13 Aprile 2024
home-sitting

L’home sitting è uno dei mestieri del futuro, nato in America e che prendendo piede anche qui in Italia.

È un concetto innovativo che aiuta le persone a stare tranquille, quando partono per una lunga vacanza o un viaggio di lavoro. La casa, gli animali e i propri oggetti personali vengono messi nelle mani di un professionista qualificato lasciando stare i parenti e amici.

Scopriamo insieme che cos’è l’house sitting e come funziona.

Che cos’è l’home sitting?

Home sitting, nome composto americano, significa prendersi cura della propria abitazione. Esattamente come il baby sitting e il pet sitting, ci sono delle figure professionali che si occupano di badare alla casa di una persona che deve restare via per molto tempo.

Non si può sempre chiedere un aiuto ad amici e parenti, così sono nate queste figure professionali che stanno in casa e portano a termine una serie di mansioni. Badare ad una casa evita effrazioni e furti, arearla ogni giorno e mantenerla pulita.

Leggi anche: Arredamento shabby, gli errori da evitare

Non solo, ci si occupa di bagnare le piante – smistare la posta e anche badare agli amici animali se sono presenti. È un lavoro di grande responsabilità: in molti casi verrà richiesto di pagare le bollette, rispondere al telefono e altre piccole mansioni che non possono essere rimandate a tempo debito.

Pro e contro dell’house sitting

Una descrizione di questo tipo alletta ed è vero che questa sia considerata una professione di alto profilo per il futuro. Mentre negli Stati Uniti e in Inghilterra è una mansione già collaudata, qui in Italia si è ancora un pochino scettici a riguardo.

Ovviamente, come per tutti i mestieri, ci sono i pro e i contro. Tra i vantaggi il fatto di poter viaggiare, avere una casa a disposizione ed essere pagati per badare ad un luogo con mille comfort.

Tra gli svantaggi l’avere una grande responsabilità, badare agli animali e alle piante come se fossero di proprietà e cercare di infondere fiducia ai proprietari (cosa non facile).

Ovviamente, sarà compito dell’house sitter cercare di avere delle referenze di alto profilo e chiedere ai proprietari di non lasciare nulla di valore in casa. Evitare troppi contanti e gioielli è una forma di rispetto nei confronti dei padroni di casa, facendo notare la propria professionalità.

È un lavoro vero e proprio, regolato da un contratto e da una assicurazione con pagamento dello stipendio concordato in sede di colloquio. Di solito è prevista una prova, soprattutto se ci sono degli animali da accudire.

Come si diventa house sitter?

L’house sitter è il mestiere del futuro soprattutto se si desidera viaggiare e conoscere nuovi posti. La figura professionale è un libero professionista, ma non c’è necessità di svolgere corsi o percorsi di studi dedicati.

Si crea un profilo web o ci si candida per la mansione, meglio se attraverso le agenzie per il lavoro. I requisiti richiesti sono:

  • Capacità organizzative
  • Pulizia
  • Decluttering
  • Amore per gli animali – piante e giardino
  • Igiene personale
  • Organizzazione
  • Rispetto ed educazione.

L’house sitter non organizza feste e cene a casa dei proprietari ed è una persona che svolge il compito seguendo le regole.