13 Aprile 2024
nodo-alla-cravatta

Il nodo alla cravatta è un gesto semplice, unico e che ha attraversato i secoli. Ma non tutti sono in grado o riescono a scegliere quello corretto a seconda dell’outfit.

Un accessorio che non dovrebbe mai mancare, impreziosisce il look e dona un plus che salta subito all’occhio. Scopriamo insieme le tipologie di nodo alla cravatta e le curiosità in merito.

Nodo alla cravatta, come si sceglie?

Nella scelta di una cravatta sono da valutare alcuni fattori fondamentali, come il tessuto e la nuance. Successivamente è opportuno fare il nodo alla cravatta corretto e lineare allo stile scelto.

Se il nodo viene realizzato con metodo e cura, questo è in grado di mettere in risalto la bellezza dell’accessorio che diventa protagonista dell’outfit.

Ma qual è il nodo perfetto? In realtà, tutto dipende dalla larghezza dell’accessorio e dal suo tessuto, senza dimenticare la consistenza degli interni:

  • Il Trinity non è consigliato quando la cravatta è in tweed o gli interni sono complessi, optando per un nodo semplice e lineare;
  • Un nodo complesso a quattro si può scegliere se l’accessorio ha un materiale scivoloso – come la seta – ed è facilmente allungabile.

Questo significa che la cravatta è come un orecchino, una borsa e una scarpa: un errore potrebbe rovinare l’intero look.

Tipologie di nodi per la cravatta

Gli uomini nel tempo hanno inventato differenti nodi della cravatta e modalità per personalizzare il gesto. Le variazioni sono molteplici e arrivano a quasi 100, chiamate con nomi differenti a seconda dello stile. Una scelta vasta, anche se i nodi della cravatta utilizzati sono sempre gli stessi.

In linea generale se ne usano quattro principali: semplice, piccolo, windsor, mezzo windsor.

Nodo Windsor

Dal nome si può capire che questo sia il nodo british per eccellenza, con un omaggio al Duca di Windsor. In realtà, i reali non hanno mai usato questa tipologia di nodo ma una similare ampio e angolare.

Secondo alcune testimonianze, il nodo Windsor è stato inventato nel XX secolo per imitare lo stile del nodo reale e avvicinarsi ad un look perfetto ed elegante.

Leggi anche: Significato dei fiori da regalare

Un altro nome per questa modalità e nodo Scappino, in onore di Domenico Scappino. L’imprenditore e inventore, nel 1930 ha fondato l’omonima azienda ed ha inventato questo modo di annodare la cravatta.

Le caratteristiche principali sono:

  • Nodo triangolare e simmetrico
  • Ideale per le camicie con collo francese aperto
  • Ottimale per occasioni importante
  • Da realizzare con cravatte in seta e lunghe, meglio se nascoste dal gilet

Nodo Mezzo Windsor

Similare a quanto sopra riportato, ma spesso e facile da realizzare (adatto a tutti), con meno passaggi rispetto al precedente. Si definisce un nodo da tutti i giorni e le sue caratteristiche sono:

  • Ha uno stile triangolare ed elegante
  • Deve essere portato con camicie a collo aperto
  • Ideale per le cravatte fini
  • Non ha limiti rispetto ai tessuti (ma è meglio una tipologia scivolosa).

Nodo Semplice

Il grande classico, facilissimo da realizzare e utilizzato tutti i giorni. Le sue caratteristiche principali sono:

  • Ideale per un look business o casual
  • Ottimale per cravatte di ogni tipologia e materiale
  • Consigliato ai principianti
  • Aiuta a definire la shape delle persone alte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *