19 Maggio 2024
coltivare-basilico-in-vaso

Coltivare il basilico in vaso o nel terrazzo di casa, così da averlo sempre a disposizione. Ricco di proprietà e benefici, il basilico rappresenta uno dei condimenti base della dieta Mediterranea e non solo.

Scopriamo insieme come coltivarlo tutto l’anno!

Come coltivare il basilico? In vaso e a casa

Il basilico ama il sole, le belle giornate e il calore lungo le sue foglie temendo fortemente il freddo. Coltivare il basilico in vaso non è difficile, ma bisogna essere presenti e tenere sotto controllo le sue preferenze climatiche e ambientali.

Sotto i 10 gradi la pianta non ha alcuna resistenza, ma con un terreno umido e ricco di sostanze organiche scaldate dal sole, la pianta di basilico potrà crescere bella e con un colore verde intenso.

Il basilico è una delizia come condimento o come olio essenziale, caratterizzato da una forte versatilità per un uso ricco e particolarmente ottimo!

Benefici del basilico

Ma quali sono i benefici del basilico e perché averne una piantina sempre in casa? Utilizzandolo fresco, può diventare un ottimo rimedio naturale per cura dei disturbi all’apparato digerente. È consigliato in caso di coliche, nausea ed eccessi alimentari.

L’olio contenuto all’interno delle foglie è in grado di calmare gli spasmi intestinali, con una azione curativa in caso di raffreddore – tosse e asma.

Ma non è tutto, infatti il basilico contiene fibre – acqua – proteine e zuccheri, in aggiunta di minerali e vitamine essenziali per l’organismo. In antichità i popoli lo consideravano come un elisir di bellezza e come alleato per il funzionamento del cervello.

Come curare il basilico?

Il basilico è una pianta annuale che durante la stagione invernale si secca. È possibile coltivare il basilico in vaso o in giardino tenendo conto di alcuni semplici consigli:

  • Optare per un vaso in terracotta di medie dimensioni da riempire con il terriccio universale;
  • Distribuire i semi di basilico sopra il terriccio e poi coprirli creando altri strati di terriccio;
  • Considerare la sua coltivazione nei mesi di febbraio – marzo – maggio – giugno;
  • Posizionare il vaso in un angolo soleggiato e luminoso, protetto dal calore per non permettere al sole di bruciare le foglie;
  • Annaffiare la piantina tutti i giorni, soprattutto nella fase di semina. Il basilico richiede un terreno umido e il momento migliore per innaffiare è il mattino presto.

Il basilico germoglia dopo una settimana dalla sua semina, mentre la raccolta potrà avvenire dopo un mese partendo dalle foglie “più vecchie”. Cosa fare quando spuntano dei fiori? Potarli così che la pianta possa continuare a scegliere folta e rigogliosa.

È possibile coltivare il basilico in autunno? Queste piante soffrono il freddo e desiderano il sole. È però possibile coltivarlo in autunno se posizionato in un posto al riparo in casa, dove arriva il sole con una temperatura di 20 gradi circa. Ideale vicino ad una finestra, così che possa fungere anche da complemento d’arredo profumato.

Leggi anche: Come arredare un soggiorno moderno?

In inverno sarebbe preferibile non iniziare la sua coltivazione. Ovviamente, se si abita in una zona del Sud con temperature miti è possibile posizionarla all’interno di una casa o di una serra, dove incontra i raggi del sole e non l’umidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *